Regola N°2 per la Maratona: viaggiare. La Maratona di Roma vista da Elena

image1

Via del Teatro Marcello

+\- verso il km 2 sulla destra del percorso.

Dopo le salite successive all’altare della Patria riuscirà a malapena a correre per il gran “traffico”.

Non si agiti, non guardi il crono, dal Circo Massimo avrà tempo per recuperare.

Il teatro di Marcello, il Portico d’Ottavia, il ghetto, Piazza Mattei e sullo sfondo Beth Shlomó (la Sinagoga) che rivedrà più avanti.

La Roma ebraica che sconfina in Campo de’ Fiori.

Il mio tempo romano è sempre passato da lì.

Cerco sempre di ritornarci, se posso da solo.

Me lo saluti il Ghetto…

image1 2

La Suprema Corte di Cassazione.

Arriverà in Piazza Cavour attraversando il Lungotevere da Ponte Umberto I.

Vedrà il retro del tempio del diritto e gli girerà intorno passando davanti all’ingresso principale che si affaccia sulla piazza.

Qui ci si entra e si arriva dopo quindici anni di professione forense….

e ogni volta che salgo lo scalone mi tremano ancora le gambe come uno scolaretto.

È una sorta di traguardo, o forse no.

image2

Piazza Navona.

Ci entrerà dal lato opposto dopo essersi sparata il Lungotevere in andata e ritorno  fino alla moschea.

Lascia l’asfalto e ritrova il lastricato.

Non si agiti, il bello deve ancora arrivare….

Ma ormai è entrata nel cuore della città e della maratona.

Continui a correre!

image3

Quando arriverà a Trinità dei Monti, dopo aver risalito Via del Corso, tagliato Piazza del Popolo, Le sembrerà di esserci quasi….

Non si illuda Signoracecchi, è solo l’inizio.

Ma sarà come dover raggiungere un’amica quando si è in ritardo ad un appuntamento e si tagliano le vie del centro per arrivare prima.

È la Roma più bella, ovattata e chiusa che la proteggerà in attesa di aprirsi al gran finale.

Non abbia paura, Piazza Venezia e la salita del Colosseo sono lì ad aspettarla.

Se li goda questi chilometri tremendi, nessun’altra corsa le regalerà sensazioni come Roma.

Se domani girerà un po’ in centro per queste strade si dedichi una sigaretta come augurio e segno di buon auspicio.

Si ricordi dove la spegnerà dopo l’ultima boccata.

Quando domenica mattina ripasserà correndo in quel tratto si riveda e celebri se stessa e la vita.

Se lo deve.

La maratona serve a questo.

Lo sa.

FullSizeRender

È in viaggio presumo, quindi arriverà.

Allora ecco l’arrivo, a 700 m.

Imboccherà la discesa con il Colosseo sulla sinistra e …. tutto finito!

Non si emozioni, viva Roma sapendo che domani sera sarà di nuovo una torinese doc.

Le auguro il sole, non solo durante la corsa.

Corra anche un po’ per me.

Buona maratona di Roma Signoracecchi, a lei e alle altre 3 delle 4girls4marathon.

È stata bello per me correrla di nuovo.

Grazie 

Eh si…

Di questa incantevole, seducente descrizione, ho visto niente,

ma proprio niente.

La differenza fra guardare e vedere.

Ricordo solo i passi di quelli che mi precedevano, il loro ritmo ipnotizzante, le pozzanghere, i sampietrini, i lastroni, la pioggia incessante.

Il mio sguardo sempre a terra o all’orologio. Anzi due orologi, uno per i battiti, uno per il passo… così… per non farmi mancar nulla.

Ricordo Marina che mi dice “Elena guardaaa…Piazza San Pietrooh…”

Alzo lo sguardo, mi si apre una favola, ma tengo duro, no lacrime… senò diventa difficile e affannosa la gestione del respiro. La conosco la sensazione.

Sbircio in alto, mi concedo un’altra distrazione…

cerco Francesco  alla sua finestra 🙂

Non si è ancora affacciato. Peccato. Lui mi è tanto simpatico.

Si affaccerà più tardi e dirà che i maratoneti son coraggiosi…

Grande FRANCESCO!

Vabbè… procediamo e chiediamo perdono.

Scusa Roma se ti ho ignorata così sfacciatamente, scusa Piazza Navona se non mi sono neanche accorta di averti attraversata, perdonami  se non ho salutato il Ghetto… nè la Suprema Corte di Cassazione… chiedo umilmente  scusa ad ogni cm di storia che non ho degnato di uno sguardo.

Treoreventicinqueminutiquarantunsecondi  di gioiadolorepaurafreddofaticafelicitàassoluta.

No, non ho visto Roma,

eppure…

NON HO MAI VISTO UNA ROMA COSì BELLA.

Grazie ROMA checihaifattopiangere

Elena

Leggi la Maratona di Charlotte

Leggi la Maratona di Sara

Guarda il video delle 4Girls4Marathon

RunningCharlotte
RunningCharlotte
Perché la corsa è uno stile di vita e ad ogni passo ci fa crescere un po’ e perché non bisogna essere campioni per correre, basta mettere un passo dietro l’altro. Keep in running.
Recommended Posts
Comments
pingbacks / trackbacks

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi